PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

MA che bella terra ma che mondo di colori...

Nota dell'autore: Credo che il 13 Aprile 2008 non andrò a votare.


Ma che bella terra
ma che mondo di colori,
quanta bella gente
ma che razza di signori!
Pieni di rispetto
per le loro aspirazioni,
decidono il colore
per le manifestazioni.
S'inventano l'emblema
danno un nome a quel partito,
promettono progresso...
il cielo con un dito!
Tecnologia avanzata
potenza sul mercato,
ma quello che ci resta è
un mondo più disoccupato.
Creare un'altra guerra
per i soliti imbroglioni,
che sul prezzo del petrolio
c'hanno fatto bei soldoni.
La nuova finanziaria
che si attacca all'inflazione,
prodotto interno lordo, costo del denaro
aumento delle tasse e lotta dura all'evasione.

Ma che bella gente
ma che popolo ignorante
ma quanta ipocrisia
per chi non vede la costante:
"Che cambiano i governi
grazie al voto nazionale,
grazie al popolo di stolti
che ogni volta si fa male"!!!

E allora...
ma che bella terra
ma che mondo di colori
con tutta quella gente,
con tutti quei signori,
che senza il nostro voto
piangerebbero dolori!
Diritto alle elezioni
come da costituzione,
ma il silenzio della gente
forse è gia una soluzione,
che magari cambierebbe
quella solita illusione
di sentirsi soddisfatto
per la collaborazione,
per poi restare esterrefatto
come un povero coglione!!!
E allora...

Ma che bella terra ma che mondo di colori...

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Alessio Cosso il 21/03/2008 17:45
    ... bella! da stampare in 10. 000. 000 di copie ed attaccare in giro per le città.

    non molti credo la leggerebbero
    ma anche quei pochi, forse
    dal torpore si sveglierebbero!
  • agnese perrone il 18/03/2008 15:51
    esprimi molto chiaramente il malessere generale sempre più diffuso tra gli italiani, ormai stanchi di promesse non mantenute e di miracoli irrealizzabili; sfiducia e rabbia, il silenzio è senza dubbio più eloquente di qualsiasi inutile parola. Molto bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0