accedi   |   crea nuovo account

Notte mattina

La memoria insonne perseguita la sua coda
Divora la notte le sue stelle, una ad una
Nel silenzio ascolto la mia pena
Spina tormentosa
D'aguzza solitudine
Neppur tu lenir potresti
Il disagio mio
Ma sol a Dio piacendo
Di sollevarmi è dato.
Peso gli anni,
Ne conto le gioie,
Di riccioli d'oro
Cortili e
Pane e pomodoro
La Mamma che ride
Lucciole
E moscondoro
Ma ecco
Già sento la brezza lieve scavalcar la notte,
Con guizzi ondular le bianche lenzuola
A rianimar la mano stanca
A illuminar di pallido rosa
L'umile stanza,
La mia fronte
Gode ora di nuovo tepore
E il pensier mio
Che si trascina
Fra inganno e dolore
Lento riprende il cammino
Di veglia al sole
Senz’altra langura
Né animo ultore.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 15/03/2011 07:46
    molto particolare.. a tratti non capisco bene cosa tu voglia dire(se sempre vuoi diere qualcosa)però in generale l'ho apprezzata

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0