PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Suole infrante

La signorina che serve al bancone dei formaggi è tornata a trovarmi la scorsa notte.
Con una chioma lunga e scura che non le avevo notato mentre ammiravo lo stracchino.
Neanche quegli occhi verdi ed il parlare forbito mi sembravano quelli dietro la pila di latticini stagionati.
È tornata per sbriciolarmi le suole di un paio di scarpe che non mettevo da anni.
Lo ha fatto da furbetta del quartierino, non le ha frantumate completamente, le ha venate quel tanto che basta a farle durare perché mi lascino uscire di casa senza sospetto.
È stato sul marciapiede che il ciclista incappucciato stizzito dal mio scarso stile urlandomi dietro mi ha svelato l’arcano.
Figlia di un calzascarpe travestita da sogno irrealizzato, spacciatrice di robiole allucinogene, non eri tu ma solo sembravi ai passi che ho perso.
Tornatene dietro il bancone e lasciami camminare che ho fretta, senza suole in questa mattina di marzo si soffre ancora il gelo come se fosse inverno pieno.

 

1
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • federico bosco il 14/09/2008 14:53
    eeehh mai fidarsi di una venditrice di stracchino
  • Enola Gay il 12/09/2008 10:19
    Che carina! mi piace tanto il tuo stile!
  • Ugo Mastrogiovanni il 10/04/2008 18:34
    Simpaticissima.
  • giuliano paolini il 18/03/2008 13:37
    oh perbacco mi piace assai questo quadro urbano molto very gradevole

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0