PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Nel mezzodì

Nelle ore del mezzodì
quando sale il calore
dagli asfalti sciolti dal sole cocente
e intorno regna la pace,
splendido è oziare sdraiato all'ombra,
con un lieve vento che soffia in poppa,
stare lì a contemplare,
il lento scorrere delle cose,
sentendo nell'aria i profumi,
i sapori, della quiete del mezzodì.
Le orecchie si tendono
alle poche parole che stanno nell'aria,
sono grida di gioia,
di giochi di bimbi nelle ore d'estate.
Non perdono mai la voglia,
nel vento, nel freddo, nella tempesta
o nel sole di questa mia dolce estate,
di gioiere alla vita,
non badano alle grida degli anziani,
vecchi tristi
che non ricordano i loro giorni dell'infanzia,
ne trascurano i borbottii,
incuranti se ne scappano urlando.
Pare che l'aria si possa tagliare a colpi di mano
che nemmeno le mosche abbian voglia di volare.
È densa la pace che ovatta la realtà,
è profumo di quite che si sente alla gola,
stringe forte per far sentire che esiste
ma in ogni attimo in cui tendo la mano
quasi per poterla afferrare,
rimane la sabbia e la cenere nel vento a volare.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • paola lorusso il 16/10/2009 20:06
    Per un attimo ho goduto anch'io la tua " pace"
  • laura cuppone il 18/03/2008 19:14
    bellissima...
    il suono delle stoviglie..
    il vento... furbo...
    il sole cocente e i bimbi..
    adoro i pomeriggi estivi e adoro
    oziare.. distesa... anch'io!!!
    piaciuta!
    Laura

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0