username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

lettere dall'altroquando

lettere dall'altroquando
lettere destinate a nessuno
o per chiunque
abbia voglia e tempo
di buttare qualche istante.

parole da dentro
a volte liete a volte disperate
parole per lei che non c'è
di un tempo che non basta
di una vita che sfugge.

scrivo su una tastiera
sotto dettato veloce
di una voce che urla
che urla giorno e notte
qualcosa che non capisco.

riconosco solo i colori
il rosso acceso del disagio
il verde pallido della rabbia
il bianco opaco dei sogni infranti
il blu, profondo e freddo, della solitudine.

e la voglia ancora aumenta
di essere migliore
di ridere più spesso
di un futuro meno incerto
di averla sempre accanto

ma il mondo corre avanti
travolgendo ogni cosa
io lo seguo forse in ritardo
raccogliendo i pezzi e lasciando
lettere dall'altroquando.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Alessio Cosso il 19/03/2008 08:41
    ... figurati! no, anzi, in realtà amo ridere e scherzare ma le poesie nascono da sentimenti che mi assalgono e devo scaricare, su "carta" possibilmente... purtroppo i sentimenti più forti sono tristezza ed amore... da li nasce tutto ciò che scrivo, di getto.
    il tuo saluto lo porterò presto a genova...
    ciao, sono contento che ti piaccia ciò che scrivo..
  • Maurizio Patrocinio il 19/03/2008 08:05
    Son contento di averti letto, mi piacciono molto le tue poesie,
    sono molto tristi, rispecchiano forse il tuo carattere?
    Scusami l'ardire. Un saluto alla tua Genova.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0