accedi   |   crea nuovo account

Quando si fa tardi

Lettere per un destinatario ormai ceco,
scritte cosi leggermente da sembrare trasparenti,
parole per un ascoltatore sordo,
strozzate da un dolore tra stomaco e gola.
Pieno giorno eppure la luna è li in cielo,
quante volte è stata lassù e non me ne ero mai accorto,
rimpiango di non averle dato uno sguardo in più,
resto annichilito per non averla onorata con un dolce pensiero,
trovare una nuvola morbida e candida per trasportarle qualche sogno rubato.
È tardi, pesanti nubi di pioggia si abbattono a mezzogiorno,
coprono lei che sorrideva sincera,
bagnano me che muoio di freddo nel cuore,
poco sole rimane su impercettibili particelle di luce,
tanto amaro scorre nelle vene che lo portano in circolo,
per tutto il mio corpo si diffonde,
nessuna reazione allergica, se non un lieve rossore,
nessun tentativo di contrastare tale malattia,
dormo in un sonno vigile al dolore,
assassino di sentimenti e sabotatore di sogni,
apro gli occhi a te per riempirli di lacrime,
come cera mettono il sigillo a questa lettera,
chiudono ermeticamente il mio spirito,
un solo spiraglio da cui attingere quel poco d’aria per non morire.
Sostanza della mia passione, linfa delle mie emozioni,
amarti cosi tanto è stata la ragione che ha spinto
questi parassiti ad assalire i miei rami,
sto seccando e tu ti volti di spalle,
mi risparmi l’umiliazione di mostrarmi cosi spoglio.

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Bruno Briasco il 21/01/2011 16:41
    in amore c'è sempre chi ama di più, ma tu, carissimo, datti una regolata o sarai votato al martirio e qui di martiri non ne abbiamo bisogno... tanto più d'amore. Bella la lirica però ... Bravo. BB
  • Pietro Zappia il 24/12/2008 19:53
    Giulio devo dire che il tuo commento diventa anch'esso una poesia... lo prendo come un complimento dato dal fatto che la mia opera ti è stata di gradimento (credo?).. ciao!
  • Giulio Caso il 22/12/2008 05:48
    Il calore che viene dal Sole (e dall'amore), la Luna vista ancora da un poeta ed il nascosto dolore vissuto senza occhi che guardano l'anima, oramai senza maschera, che può solo rivivere, può solo rinascere, com'è naturale attraverso questa amara esperienza che "chiude ermeticamente lo spirito", ma l'alba ritorna sempre.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0