accedi   |   crea nuovo account

PAURA

P A U R A

Mi agita

il vento

quella coda di persone inerti

davanti al cielo

esistenze insulse

il probabilistico ci investe

e il gesto dell'orologio spaventa

i colori dell'orizzonte

...

mentre m'assale l'emicrania
io ho paura!

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 11/11/2013 14:44
    Bellissima opera per il contenuto e per come l'hai rappresentata, scrivendola con questa originale forma.

    Piaciuta.
  • Rocco Michele LETTINI il 19/03/2013 04:55
    UN'ATTENTA E NITIDA FOCALIZZAZIONE... CHE FAN DE LA PAURA UN CORTOMETRAGGIO SAPIENTEMENTE RIPRESO... LA MIA LODE SILVIA...
  • Dark Angel il 01/05/2012 12:07
    la particolarità di queste parole è quasi eccelsa (non sei male) (i miei complimenti oscuri)

43 commenti:

  • Anonimo il 20/12/2013 14:18
    io non capisco come si possa lodare un testo del genere: non c'è metrica (e si può soprassedere), non c'è punteggiatura (e lasciamo passare anche questa), ma che manchino anche il ritmo e una qualsivoglia bellezza, no...
  • augusta il 14/11/2012 16:18
    rimango senza fiato i miei complimenti... bravissima...
  • stelsamo il 14/11/2012 14:09
    Intense immagini che colpiscono. Poesia molto apprezzata per forma e contenuto. Molto brava. Complimenti.
  • stelsamo il 14/11/2012 14:05
    La paura ci attanaglia come in una morsa, davanti alle incertezze della vita, davanti al tempo che inesorabilmente passa e tutto travolge, davanti ad un futuro che sembra essere sempre più tetro... di fronte a tutto ciò, abbiamo paura!
  • vania antenucci il 30/07/2012 11:46
    Cara Silvia, bella ma nera, come il mal di testa che ti fa federe tutto nero. Pensiero approvato perchè chi non c'è passato?
  • Sandra Checcarelli il 06/06/2012 14:59
    BELLA POESIA!
    È VERO LA PAURA CI ASSALE SEMPRE ED OVUNQUE MA QUANDO CI SENTIAMO INSICURI, QUANDO NON CI AMIAMO...
    COMPLIMENTI!!!
  • Ezio T. il 22/02/2012 19:17
    la paura ci investe tutti... colpa di una società in cui si vuole avere il controllo su tutto.. si è perso il lato animalesco (in senso buono)dell'uomo. Non trovi?
  • maria villani il 10/11/2011 23:02
    uno stato d'animo molto frequente per gli uomini... molto bella!
  • vania antenucci il 09/10/2011 23:10
    Ciao Silvia la paura chi non c'è la, seccondo me è la nostra insicureza che si puo' solo migliorarla comlimenti vivissimi
  • Bruno Briasco il 14/09/2011 17:51
    Beh... complimenti davvero!
  • Raffaele Arena il 14/08/2011 01:51
    Coraggio e paura, mantenere l'equilibrio nell'azione tra questi due elementi anche con una introspezione psicologica guidata, comunque, a parte consigli, bella poesia, complimenti
  • Dora Forino il 24/05/2011 08:22
    La paura assale per una serie infinite di cose... basta saperla controllarla.
  • Stefania Nardi il 20/05/2011 14:31
    Breve e decisamente evocativa... complimenti!!!
  • Anonimo il 21/04/2011 21:02
    hai descritto bene.. lo stato d'animo della paura brava
  • Anonimo il 19/04/2011 11:50
  • Anonimo il 19/04/2011 10:42
    È talmente bella che l'ho messa su facebo.
  • Fabrizio D'Orazio il 13/04/2011 12:00
    veramente un modo originalissimo di esprimere quest'emozione... oddio... sono combattuto, un po' mi piace, un po' mi fa capire lo stato... un po me la devo rileggere
  • Anonimo il 29/03/2011 20:51
    uno stato d'animo che... che ti toglie il respiro... nn è affatto piacevole... descritta bene
  • sara zucchetti il 21/10/2010 09:41
    Originale modo di esprimere quel emozione a cui sono legata ma che non è piacevole
  • Glauco Rossi il 02/10/2010 01:46
    Complimenti, i tuoi versi toccano nel profondo. Grazie dell'amicizia.
  • GUIDO EDOARDO ORBELLI il 23/09/2010 14:49
    versi stupendamente belli come te carissima silvia. ciao
    guido orbelli animamia
  • rudens roze il 20/09/2010 21:54
    Devi aver paura solo della paura, diceva un grande, il fatto è che noi spesso abbiamo anche paura di vivere
  • Sergio Fravolini il 11/07/2010 16:18
    La paura... buona la visione di questo spettro mai visto.

    Sergio
  • tania rybak il 27/05/2010 01:37
    la mano tesa in attesa, accompagnata dal tic dell'orologio, aiuta a rompere il silenzio e mette al proprio aggio, facendo scomparire la paura inerte davanti al cielo, dove l'aiuto è certo... scusa il gioco delle parole, ma ho cercato di dare la mia interpretazione forte e significativa
  • Sandrino Aquilani il 25/04/2010 18:27
    Grazie per l'amicizia e complimenti per le tue poesie. Anche questa tua paura denota sensibilità e coraggio. A presto.
  • Anonimo il 13/04/2010 10:51
    Versi originali. I miei complimenti!
  • Sergio Fravolini il 29/03/2010 13:28
    Una fredda immagine della felicità nell'orizzonte pieno di colori.

    Sergio
  • Nicoletta Piepoli il 12/03/2010 20:08
    Umilmente... mi è piaciuta tanto!
  • maynard keenan il 07/11/2009 21:07
    piaciuta molto brava
  • Salvatore Ambrosino il 10/10/2009 20:46
    una poesia scritta con maestria poetica, brava
  • enrico dignani il 25/08/2009 09:00
    se incontro Montale gli leggo questa.
  • Fernando Biondi il 23/07/2009 19:27
    ciaoooooooo, la paura è un sentimento fondamentale del nostro essere
  • Rocco Burtone il 12/07/2009 14:59
    Ma sì, ci sei e io mi beo della tua profondità
  • Anonimo il 02/07/2009 14:20
    È originale.. mi è piaciuta
    Complimenti!
    emy
  • Giuseppe Tiloca il 11/06/2009 21:50
    io soffro di emicrania! X)
  • Luigia R. T. il 25/05/2009 15:20
    In questa poesia criptica, polisemica, vedo riflessa la condizione di inconsistenza, solitudine ed incomunicabilità, con gli altri, il tutto... e perfino con se stesso, proprio dell' "uomo copernicano", condizione che a tanti sfugge, sì che inerti, non tocchi dalle voci del profondo, insensibili ad un cielo/baratro, non alto ma profondo,
    guardano senza veramente vedere e vivono senza interrogarsi... E presi dal contingente, persi nel presente, privi di prospettive metafisiche, se, talvolta, riscossi dal monotono tic tac dell'orologio, avvertono la fuggevolezza del tempo e la loro dimensione transeunte, spaventati, precipitano per un attimo nel buio... ma non si ravvedono!
    Verrebbe, quasi, da dire "beati i poveri di spirito"... il poeta, invece, appartiene ad un'altra "razza", troppo affinata - purtroppo - nei sensi e nel pensiero!
    Un saluto
    Luigia
  • Rik Forsenna il 06/12/2008 21:06
    e il gesto dell'orologio spaventa i colori dell'orizzonte... mi piace molto... brava Silvia!
  • Dolce Sorriso il 28/09/2008 22:36
    mi fa davvero piacere incontrarti qui,
    bella davvero la tua poesia,
    ciao a presto
  • Ada FIRINO il 13/08/2008 12:29
    Conosco bene questo tipo di emicrania, Silvia! Ed il mondo intero continuerà ad averla, se continuerà coi suoi egoismi, il suo assolutismo e la mancanza di empatia verso il prossimo.
    Bella poesia, semplice, incisiva, significativa.
  • silvia denti il 07/04/2008 23:40
    grazie Francesco!!! Ti aspetto sul mio sito!!! Un abbraccio
  • silvia denti il 22/03/2008 00:01
    Ignaziooo! Ti aspetto sul mio sito!!! Un bacione e a tutti coloro che passano di qui auguro una Pasqua serena.
  • silvia denti il 21/03/2008 23:59
    Grazie cara... sì, in effetti non è facilissima l'interpretazione. Però ho cercato di dare un significato a quanto la solitudine umana vive, sempre e comunque, senza possibilità di condivisione. L'emicrania l'ho io, quell'altro e quell'altro ancora, ma nessuno la vive in simbiosi con me, capisci? E così per l'esistenza... tristi e soli perchè mai accomunati... come recitava un ottimo Quasimodo... ed è subito sera. Un abbraccio, Silvia
  • Aedo il 20/03/2008 23:48
    Indubbiamente la tua bella e piuttosto ermetica poesia non è di facile e immediata ricezione:; ci provo. Dunque alla base c'è il senso dell'impotenza umana: le persone inerti davanti alla spinta verso l'infinito (il cielo); la nostra vita è misurata dalla monotonia ripetitiva dell'ovvio (l'orologio), che non riesce a far sprigionare la fantasia(i colori dell'orizzonte); infine il dolore fisico, accentua la paura di vivere. Si tratta di una mia interpretazione di un testo significativo, ma non facile.
    Ciao
    Ignazio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0