username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Notturno. I°.

Il nero sipario cala sul giorno,
le prime stelle fanno capolino,
una luna incerta appena s' accenna,
un soffio di vento ti spettina appena,
leggero un sorriso increspa le tue labbra,
solo un sospiro t' accompagna,
non parole non gesti,
solo occhi che scrutano dentro,
tentando di scavar l' impossibile.

Una mano s' alza a indicar alto nel cielo
un punto lontano, fisso lo sguardo ma non traggo risposte,
insisti ancora ma... non vedo oltre il mio presente,
resti ad ammirar per ore ed ore miriade di punti luminosi,
senza scorgere la quintessenza della vita,
apriti, desta il tuo torpore dal nulla,
ammira ciò che ti è donato senza nulla chiedere in cambio,
la notte incombe sul mondo ma non sul tuo cuore,
fa il tuo passo, domani è un' altra storia.

Questa come tante altre notti ti racconta la sua storia,
le nostre storie, che siano allegre o tristi, misere o ricche,
fredde e odiose, ma è vita di tutti noi, che si arranchi
o si gioisca, che si pianga o rida, che sia sdegno o rinuncia,
ogni uomo o donna che incontri ha la sua storia,
tutte importanti, lascia da parte egoismo, paura, ansia,
non mollare proprio adesso, ti sentirai più ricco,
comincia ad indagare dentro te, che fai tu per il mondo?
che fai per il tuo prossimo? Gira la notte...

Gira la notte attorno a miseri cartoni,
tra vetri vuoti o infranti, tra carte e rifiuti... la'...
un uomo dorme avvolto da scatola informe,
tossisce, impreca, torna a dormire,
il mondo un po più in la' di lui non s' accorge,
vedi... trema, ha freddo, i piedi scalzi invano
cercano del riparo, non osi ti manca il coraggio,
dare un aiuto a quel misero corpo... ma passi oltre,
come chiunque di lor abbia timore.

La notte incalza sempre più nera, voci sommesse
giungono ormai chiare, ecco l'esempio d' altrui
volontà, ecco baldi giovani farsi avanti,
coperte, mantelli, pane, acqua un caldo ristoro,
sono angeli? No, è l' umana comprensione, solo di alcuni,
con mani sicure donano amore a chi non ne ha,
una donna grigia d'età s' accosta tremante,
che mai sarà, sembra si chieda, una mano sincera
gli porge del pane, una lacrima scorre tra le rughe.

123

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • gianni castagneri il 17/02/2014 18:08
    bella Maurizio... lunghissima ma bella! la notte, paradiso per qualcuno, per altri inferno...
  • Maurizio Patrocinio il 21/03/2008 08:06
    Grazie Gianpietro, il tuo commento mi fa molto piacere, mi sono stupito anche io di cosa sono riuscito a scrivere, mi è venuta così spontanea.
    Ti dirò che ha un seguito. Grazie ancora.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0