username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Partenza d'un uomo banale

Saluto da uno che non verrà mai ricordato
Saluto da uno che ama e difficilmente verrà amato.

Saluto il poco che mi rimane e che mi stima
Saluto il nemico che riderà più di prima.

Saluto senza rimpianti ma con tanti errori
Saluto con grande umiltà e senza clamori.

Saluto senza finzioni il bene ed il male
Saluto il mio mondo da uomo banale.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Raffaele M. il 26/04/2008 13:42
    michelangelo la tua analisi non sembra combaciare col significato che io ho cercato di dare a queste righe. E comunque questo "pensiero" c'entra e come col mio pensiero altrimenti avrei fatto a meno di scriverlo. Grazie di aver commentato
  • Anonimo il 26/04/2008 12:12
    La poesia è certamente bellissima, sperando non ci sia malinconia.. nel suono delle tue parole...
  • giuliano paolini il 22/03/2008 18:29
    in questi giorni nel sito si respira una pressione fortissima e un dolore straziante credo sia un segnale importante dal dolore si puo' ottenere un segnale a cercare il perche' forza vecchio amico non lasciare che il buio ti uccida fanne il tuo amante che il buio era gia' quando la vita non era apparsa e conosce quindi i segreti della vita lasciati abbracciare e scoprine i segreti un abbraccio sincero da parte mia

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0