PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Quel vecchio treno

Avevi nella mano
Una piccola valigia rossa
Quando te ne sei andato.

Un vecchio treno
Trasporta il tuo corpo,
Ma lascia la tua anima triste a terra.

La vista si fa sempre più annebbiata,
Da una lacrima salata:
Non mi bagna la faccia...

Le ore
Senza di te,
Sono vuote.

Sento la tua presenza,
Vagare per la stanza
Illudendomi di averti accanto.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • libera luce il 16/10/2009 14:18
    veramente bella... mi sono commossa!
  • claudia checchi il 13/06/2008 16:32
    e' molto toccante, quando 2 persone si lasciano e' sempre doloroso,, e se uno dei 2 si illude che l'altro ritorni e' ancora più triste,,
  • Ugo Mastrogiovanni il 23/03/2008 17:29
    Separarsi è sempre drammatico; la parola stessa che deriva dal latino SE PARARE lo precisa: SE uguale a “dividere” e già dividere è un colpo al cuore, PARARE poi vuol dire “disporre”, ovvero: DISPORRE UNA DIVISIONE, significato ancora più triste; alla separazione il poeta aggiunge la corsa di un treno, ove il treno accentua il senso di distacco e rattrista maggiormente.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0