accedi   |   crea nuovo account

La ciociara

Ricordi e riflessioni sulla Ciociaria... la mia culla.

*

Altri tempi, un altro mondo
nel passato son rimasti,
le tue ciocie indossavi
orgogliosa e spavalda.

Un asinello al tuo fianco
pecorelle e verdi campi
alla fonte d'acqua chiara
con la conca ti ricavi.

Alla finestra l'alba bussava
e lesta lesta ti destavi
col sudore sulla fronte
finché il tramonto giungeva.

Altri tempi ormai passati
dimenticati e sepolti
stipati tra i ricordi
caduti nell'oblio.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

17 commenti:

  • Giovanni Cuppari il 04/12/2009 22:45
    Dettata col cuore per una piccola parte di terra che ancora suscita emozioni, specialmente per quelli che hanno lasciato ricordi più antichi. La seconda e la quarta strofa sono gemme di sonorità all'orecchio e vive le immagini di tempi passati e sepolti. (Io avrei messo "nell'oblio " , è più letterale) . Comunque un altro tocco poetico di immagini descrittive che lasciano il segno. Un abbraccio a te Gioia con affetto. Giò
  • bruno guidotti il 16/05/2009 17:08
    Mi correggo hai perfettamente ragione, scusami e ciao Bruno.
  • bruno guidotti il 16/05/2009 17:07
    ... che indossavi orgogliosa e spavalda. insisto su: che...
  • Maria Gioia Benacquista il 16/05/2009 17:01
    Altri tempi, un altro mondo
    nel passato son rimasti
    Bruno 'rimasti' si riferisce ad altri tempi e altro mondo e non alle ciocie. Non ho messo la virgola ma pensavo si capisse.
    Un caro saluto a te, ciao.
  • bruno guidotti il 16/05/2009 16:50
    Ora ti spiego, scusa se mi permetto mettere mani alla prima strofa.( Altri tempi, un altro mondo nel passato. Son rimaste le tue cioce che indossavi org...)
    ti invio un caro saluto, ciao Bruno.
  • Maria Gioia Benacquista il 16/05/2009 16:43
    Bruno, non ho capito bene ciò che volevi dirmi.
    Forse ti riferisci alla scritta 'ciocie' e non cioce.
    Se cerchi su wikipedia (^ Al plurale ciòce o ciòcie) o su altri articoli su google troverai che il plurale di ciocia può scriversi nelle due forme: ciocie/cioce.
    Sono nata a due passi da Alvito e mia sorella abita li.
    Ti prego di spiegarmi il tuo commento.
    Ti ringrazio.
  • bruno guidotti il 16/05/2009 15:45
    Scusami Maria, ti faccio notare al di là del soggetto che è bello,( poi a me piace particolarmente in quanto mia madre era di Alvito, quindi ciociara al cento per cento, e conosco bene le cioce e i lunghi vestiti blisettati, con tanto di larga fascia),
    che qualcosa non fola nella prima quartina, controlla, penso te ne accorgerai, comunque bella descrizione di un mondo ormai perso nel tempo.
  • alberto accorsi il 16/05/2009 15:36
    Idilliaca, carina la disposizione spaziale dei versi.
  • bruno guidotti il 27/05/2008 19:44
    Cra Maria anche questa è una poesia che mi tocca da vicino, mia era ciociara e ricordo che quando bambino andavo a trovare mia nonna rimanevo di stucco vedendo quelle strane calzature"le cioce", questo termine mi fa riflettere sul cognome di mia madre "macioce" strano vero? bella poesia complimenti.
  • Adamo Musella il 12/04/2008 22:46
    Mi ricordi il tempo che abbiamo perso e sostituito con valori poco genuini... molto evocativa e nostalgica. Brava, un bacio
  • Marco Vincenti il 06/04/2008 11:53
    Credo che i ricordi della campagna vissuti nell'infanzia o adolescenza che sia, ce li portiamo sempre dietro anche se ormai i tempi moderni ci hanno un po' allontanato da quel bel modo di vivere. Molto bella la poesia come del resto è bella la ciociaria. (Ci fa pure rima)
  • Aurora M. il 03/04/2008 21:13
    Che belle immagini che hai usato... complimenti davvero!!
  • Ugo Mastrogiovanni il 03/04/2008 10:07
    L'importante che <al di là dei colli> parte di te sia rimasta! Brava.
  • Anna G. Mormina il 28/03/2008 20:11
    ... la tua culla è una gran bella culla...
    ... anche se a quei tempi la vita era molto più faticosa, anche per le donne, sono certa che le loro piccole felicità e loro piccoli sogni, non son mancati!
    Ora non siamo capaci di apprezzare la nostra vita...
    Poesia ben impostata e scorrevole nella lettura, mi è molto piaciuta!... brava Maria!... un abbraccio e un :bacio:

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0