username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Brame d'Orrore

Beceri e folli
con gli occhi chiusi
continuiamo a guardare
sempre più confusi
dando la mano
al diavolo che ci offre
le sue caramelle
come vergini sorelle

Affonda il mare
nel suo profondo
la merda a galla
è il nostro mondo
che ci sputa in faccia
la nostra ignoranza
mentre senza speranza
ci spariamo addosso
con la bocca piena
di porno sapore
che ci fa godere
…che ci da piacere

Le nostre mani puntate
come pistole
cercano streghe
da condannare
ma il riflesso deforme
del nostro viso
nello specchio crepato
d’ombra spoglia il volto
dell’assassino

Preghiere malsane
offerte a profeti
apostoli e preti
nel fiume che scorre
pisciandoci addosso
brame d’orrore

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • lupoalato maria cannavacciuolo il 01/06/2008 12:01
    alquanto realistica... purtroppo
  • Manuel Zafarana il 29/03/2008 12:10
    ... forte... se l'uso delle "volgarità" rappresenta la miglior figura per descrivere la poesia, Ben vengano!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0