accedi   |   crea nuovo account

oh ohh

c'e' una soglia
tra il silenzio
e la presenza
l'ho cercata
chiamata
invocata a lungo
ma si e' mostrata solamente
quando ho abbandonato tutto
niente di meno
e' stato sufficiente
al suo manifestarsi
quando l'ho scorta
ho realizzato che era li' da sempre
e' come l'oscurita'
non e' un processo graduale
un attimo prima
era la luce
poi e' tenebra
ma non c'e' lotta
solo una forza enorme
e' questa la peculiarita'
riempie completamente l'orizzonte
la stessa struttura di uomo e' ridicola
uno spazio misero
e' come il tutto
che si muove in un punto
e il punto si fa tutto
e' cosi' enorme ed incomprensibile
il cammello passa nella cruna dell'ago
che l'ago non ha preoccupazioni di sorta
ha tanto vissuto e tanto goduto
della meraviglia
che quando il cammello si avvicina
rimane ancora luce
tra le pareti della cruna
e il cammello
e' tutto cosi' magicamente abbondante.

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 12/08/2016 01:02
    apprezzata... complimenti.

2 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 29/03/2008 17:04
    Bellissima... attraversare questo deserto.. questa terra di nessuno... tra silenzio e presenza.. no man's land... e poi si fa chiara la struttura... mutevole... e il cammello può diventare piccolissimo... e la cruna dell'ago gigantesca... e tutto passa in un oceano di emozioni luce...
    v

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0