PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Fuggente riva

Quando la sera dalla profonda tenebra
esala evanescente primavera del sogno all'onda viva cullato giaccio
sino ad intravedere d'Itaca la fuggente riva
Alla bella crudele
non fu mia colpa, certo fu sventura
sperar dolcezza da chi non ne aveva.
Ti parlerò d'amore così dolcemente
che il tuo cuore che mai seppe amare
saprà cos'e la gioia, cos'e il dolore.
Eterna Sirena
Anche questo giorno sta svanendo nella notte
passi felpati ripercorrono triti sentieri.
Ed il cuore si perde nei meandri ciechi
vanamente illuso da dementi brame.
Alle soglie della cupa voragine
traluce l'eterna sirena
a maggiormente irridere il fatale naufragio.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Tony Kospan il 29/03/2008 20:45
    Bellissima poesia quasi sanguinante per l'eterno tormento d'amore... Il dolore è però sublimato dalla capacità di mettere le proprie emozioni... in versi... quasi come in una catarsi. Mi piace anche per gli accenni al sogno... mio cavallo di battaglia... Verrà un giorno... ti auguro.. che una sirena cercherà te... e soffrirà per te... ma allora... spero ricambierai... per vivere la cosa per me più bella che ci sia... la corrispondenza d'amorosi sensi...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0