PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

LA POESIA

Non ho più voglia
di scrivere poesie
addolcire con finzioni
le barbarie
partecipare con l'occultamento
alle denigrazioni in atto
della verità

Non sempre miele
le parole a volte sono spari
possono riverire il Santo
o l'annientamento
il segreto è... la sincerità
fusa alle armonie

La poesia ormai è come la torta
a un compleanno ci deve sempre stare
ma tutti la evitano per tenersi magri
oppure le imputano
dopo l'estremo satollo perdurante
unica causa ad appesantire il sangue

I versi sono gocce d'acqua
di effetto placebo
scuri ruffiani in altre vesti
a far sposare zitelle lacrime
ad altrui lamenti

Emozioni...è l'alibi d'inchiostro
di noi rapaci a caccia di consensi
che a volte sono fumo al vento
ma inebrianti all'egoismo

La poesia
è un attricetta di periferia
persa in vanità
fa finta di puntare al cielo
ma sogna di oziare riverita
in una pagina
oltre la biologica figura
depennata dall'anagrafe
ma la storia è una dogana
vuol vedere le ferite del cuore
speso sincero per altrui dolori
e lei nel baro esibirà
un cuore di capra tagliuzzato
e il timbro sarà... ANONIMA...
------------------------------------------
Da:Vetriolo
www. santhers. com

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Salvatore Ambrosino il 21/02/2012 14:24
    Non sempre miele
    le parole a volte sono spari... molto poetico,è questa anche il mio poetare
  • Anonimo il 05/11/2008 22:33
    questa mi è veramente piaciuta...
    magari non lo saprai mai...

    comunque, complimenti, anche se...
  • Gerardo Di Filippo il 28/03/2006 09:22
    le tue parole sono profonde e invitano a riflettere.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0