accedi   |   crea nuovo account

Quanta bella gente

Quanta bella gente
Sperduta e demente
Che a destra e a manca caracolla
Come un dirigibile che non decolla.

Di sé tutti presi e tronfi
Di voglie certezze e paure gonfi
Si guardano intorno, lo sguardo fiero
Ma in fondo lo sanno, che non è vero.

Continuano a correre e affannarsi
Indecisi sul dafarsi
Ma sarà mai forse vero
Che la strada porta al cimitero?

Nel dubbio meglio approfittarne
Godere di tutti i piaceri della carne
Tanto buoni o cattivi poi è lo stesso
Quando finisci sei piedi sotto un cipresso.

Ma val la pena? Io mi domando
Anche se nell’aldilà poi non ci credo
Ma forse le nostre azioni non sono tutte vane
Di noi alla fine del viaggio qualcosa rimane.

 

2
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 04/04/2008 10:24
    Bellissima questo dirigibile che non decolla... o decolla e sorvola il cimitero ridendo a crepapelle..

    Scusa ho appena letto i tuoi tre racconti horror

    Con stima
    v
  • Alessio Cosso il 01/04/2008 10:53
    ... katie, devo ammettere che il riferimento alla serie tv era voluto, complimenti per averlo colto!
    ... si Vincenzo, altri sono di passaggio... ma quanti! possibile che tutta questa gente non si accorga nemmeno che la vita gli sta scivolando via?

    grazie ad entrambi per i commenti... fanno immensamente piacere!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0