PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Forse ho bisogno di te

Ma sai che piacere
Passare di qui
Vederti arrivare
E poi sederti qui.
E sei qui vicino
Ed io non so il perché
È strano il destino
Che a volte non puoi scegliere

Ma adesso ci siamo
Siam troppo vicini
Mi prendi la mano
Ed io non so com’è
Forse ho bisogno di te
Forse dimentico che
Cosa sei per me

Che strano piacere
Provare a guardare
Negli occhi e scoprire
Che sei, che sei proprio qui
Che in fondo io e te
Stiam bene anche se
Forse ho bisogno di te
Forse dimentico che
Cosa sei per me

Ma sai che piacere
Poterti baciare
Tornare a casa e poi
Pensare solo a noi
Forse ho bisogno di te
Forse ho capito che
Cosa sei per me.
Forse ho capito che
Cosa sei per me.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 31/01/2011 11:37
    Hai ragione, Nico. Ora riesco a comprendere bene come il tuo amore sia proiettato verso l'infinito alla ricerca di nuove possibilità che lo ravvivino. Attento, però, che " il cor non si spaura"...
    A leggerti presto.
  • Nico Iuliano il 31/01/2011 09:39
    Ah sisi.. però diceva Leopardi che il forse apre delle possibilità, non certezze. Perché non cerca la fine, ma va verso l'infinito; per questo è la parola più bella del vocabolario italiano.
  • Anonimo il 31/01/2011 08:11
    Usi ripetere " forse" per confessare i tuoi sentimenti. Forse è il dubbio che diverrà certezza.
    Ciao.
  • Nico Iuliano il 30/01/2011 17:27
    Confuse tra? in che senso?
  • Anonimo il 30/01/2011 15:35
    Una dichiarazione d'amore che potrebbe essere musicata...
    Mi sembra però che le tue idee siano ancora confuse.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0