PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

A chi

A chi non crede più che esista il meglio
E spera ormai soltanto al meno peggio
A chi non ama l’odio né il rancore
Perché è imbecille e crede ancora nell’amore
A chi credeva di essere già morto
E ha pianto poi perché era ancora vivo
A chi di notte dorme e sogna poco
Per fare più di un sogno quando è sveglio
A chi se pensa male è solo un bene
Perché di delusioni ne ha abbastanza
A chi c’ha tempo sempre più di tutti
E non sa mai però con chi occuparlo
A chi si fa bastare sempre il poco
E aspetta ancora di trovare il tanto
A chi non crede più nel suo futuro
E passa notti a piangere il passato
A chi di notte poi non ha mai sonno
Ma di restare sveglio non ne ha voglia
A chi rimanda sempre ad un domani
E poi fa finta che sia sempre oggi
A chi vorrebbe avere un’altra voce
E invece tutti lo amano per quella
A chi si fida poco di se stesso
E dà fiducia a tutti e sbaglia sempre
A chi è bravo a stare proprio al centro
Ma sempre e solo al centro dei problemi
A chi non guarda mai dentro allo specchio
Perché ha paura di essere se stesso
A chi non ha bisogno delle botte
Perché per farsi male fa da solo
A chi si affida sempre e solo al tempo
E il tempo invece è lì che ancora aspetta
A tutti questi dico solamente
Non siate mai la rima di voi stessi

 

1
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • ylenia 2010 il 15/07/2010 17:50
    ... molto vera e carina...
  • Giada.. il 01/05/2009 10:06
    bella, profonda, semplice, vera.. bella^_^
  • Paola Bonc il 16/10/2008 18:32
    Ma che bella! i miei complimenti! profondo il significato... e scritta egregiamente!
  • augusto villa il 21/06/2008 23:27
    Bellissima!!!.. sia per come è stata scritta... che per la profondità! Complimenti!!!
  • Anonimo il 25/04/2008 13:28
    ecco che arriva e calza a pennello cn queste fastidiose lacrime che nn riesco più a scrollarmi di dosso. la tua poesia me la sento proprio, son quasi tutti i miei difetti, e ora che leggo e mi ci trovo, prometto che di me stessa farò di tutto di nn esser la rima. splendida!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0