PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Silenzi

Ascolto il silenzio
di questo giorno,
rimbomba dentro
come tamburo assordante

Palla di cannone
inchioda il cuore
assetato d'amore

Temporale improvviso
di voci festose
disseta la mia anima stanca

 

0
8 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Salvatore Masullo il 06/01/2013 20:49
    Un silenzio assordante: bello l'ossimoro usato nella composizione!
    Il cuore viene poi bloccato da questo silenzio e diviene incapace di sottrarsi alla bontà del sentimento provato...

8 commenti:

  • celeste il 05/04/2008 20:20
    Terry non fermarti ai primi colpi di cannone. Quanta confusione nei cuori
    in primavera. Ciao, tu brilli
  • Anonimo il 05/04/2008 17:50
    Comprendo quanto faccia male questo silenzio...
    è lo stesso che ho cercato di descrivere nella mia poesia silenzio assordante...
    ascolta ogni tanto la tua sete... non averne paura...
    se vuoi puoi bere anche un po' dalla mia fonte per dissetarti, io ci sono Terry e tu lo sai..
    Anche se non è la stessa cosa...
    Ti abbraccio con affetto
    Angelica
  • Giovanni Cuppari il 05/04/2008 16:50
    interroghi la tua anima, ma a differenza dell'altra il rimbombo dei suoni, il temporale, una palla di cannone e voci festose rompono questo silenzio e disseta la tua anima come se fosse stanca di questo solo ascoltare. Coinvolgente. Un abbraccio Gio'
  • Giovanni Cuppari il 05/04/2008 16:46
    passi silenziosi, il silenzio delle parole nell'altra poesia, e adesso l'ascoltare dei silenzi, tutto mi fa pensare che ascolti la tua voce dentro,
  • giuliano paolini il 05/04/2008 09:58
    forse ci fermiamo troppo presto e ai primi morsi della fame corriamo in cerca di un ristoro esterno mentre la risposta e' un po' oltre un sincero bacio e a presto
  • giuliano paolini il 05/04/2008 09:57
    c'e' un bramare continuo nell'animo di ogni uomo credo sia dovuto alla nostra struttura di capienza illimitata la discriminante credo sia legata alla poca predisposizione all'ascolto di quello che ogni azione determina all'interno dello spazio infinito che si trova al di sotto della superficie

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0