PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il mio volto nell'autunno

Era il nostro rifugio, al tramonto,
quel bosco sfiorato dai nastri dorati
lanciati dal sole che muore, alla sera;
i nostri passi carezze
sui caldi colori d’autunno,
e sulle orme lasciate spuntavano fiori,
soavi pensieri figli del tempo, immortali.
Il profumo dell’aria era il nostro respiro,
una magica ebbrezza,
una voglia d’oblio.
La tua voce, sulla pelle carezza,
animava le ombre
e l’infinito era dentro di noi.
Gli usignoli spandevano intorno
una canzone d’amore
e, tra le foglie, la tua mano cercava la mia.
Poi una corsa tra gli alberi,
un’attesa... e il primo bacio,
le labbra appena socchiuse
e ancora un po’ tremanti,
…e la mia prima lacrima.

Oggi sono tornata in quel bosco
dove, in quelle calde sere d’autunno,
nacquero, dolcissime, le nostre poesie,
io, muto cuore solitario,
in cerca del tuo ricordo
che tu, nostalgico pittore,
hai voluto lasciarmi:
in una cornice di caldi colori,
quasi nascosto, come una ninfa dei boschi,
il mio volto dipinto tra le foglie
ancora sospese sui rami.
Negli occhi, un sorriso di bimba,
sulla bocca, il ricordo di un bacio.
Ti chiamo, ma un’eco muta
riporta il tuo nome sulle mie labbra,
anch’esse ora mute.
E la mia mano, dolce illusione,
si tende a cercare la tua.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Ada FIRINO il 09/04/2008 12:59
    Che belle parole, Vincenzo! La donna del quadro non ero io, ma io mi sono immedesimata in quella visione e mio è il viso di bimba, miel e labbra appena socchiuse e la prima lacrima! Ho vissuto un amore attraverso un dipinto. La forza dell'immagine!
  • Vincenzo Capitanucci il 09/04/2008 03:12
    Stupenda... il ricordo del primo bacio... cosi intenso.. cosi profondamente vissuto... dall'anima una perla... risale... una lacrima gioiosa d'Amore.. incolla le nostre labbra per sempre...
    Sono occhi... sorrisi di bambina.. immortalati da un nostalgico pittore.. in caldi e freddi colori autunnali.. in un dolce ricordo le mie labbra ancora si tendono...

    Un oceano di emozioni... grazie Ada

    un abbraccio
    v
  • Ada FIRINO il 08/04/2008 23:02
    Mariella, grazie per i tuoi benevoli commenti. L'amore ti riempie ed i ricordi anche, ma quando sono dolorosi bisognerebbe staccarsene. Questa poesia, forse l'unica, non nasce però da un mio vissuto. Un giorno vidi un quadro con tanti tronchi d'albero in un bosco, ed un volto dipinto tra gli alberi, sospeso. Mi ha colpito particolarmente, l'ho rievocato e da questo è nata questa poesia, che a me piace molto.
  • mariella mulas il 08/04/2008 17:11
    Splendidi e accorati versi che rendono il tuo spirito poetico di grande pregio.
    L'amore, ma ancor più l'innamoramento, rendono i ricordi più dolorosi quando la vita decide l'attenuazione o la fine del sentimento. Amare è per sempre solo se si resta legati ai rimpianti. Un abbraccio.
  • Ada FIRINO il 08/04/2008 15:28
    Grazie Augustooooooo!!!!
  • augusto villa il 08/04/2008 13:20
    Molto bella, Ada!... intensissima... ben scritta!!!... sisi... bella davvero!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0