PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Osservando...

Quando un segno si confonde
dentro la storia uniforme
che i fatti spiana e rinnova
cerco nell’orizzonte un nuovo regno

Torno sui tuoi silenzi
che fanno notte d’un giorno di sole
mentre le parole mai dette
hanno il marchio delle leggende

Sotto di me le strade
si svuotano di passi che nulla hanno cambiato
ed io mi chiedo a chi è servito
il brusio persistente e l’ombra inutile

Questo amore che vedo in ogni luogo
dilaga nel ricordo e in ogni cosa
conserva il gusto amaro del dolore
e nella lontananza si fa eterno

Mancherà il finale a sorpresa
Tu guarda, se puoi, là dove ti trovi
come sono cambiato in questo tempo
mentre la voglia di te non è mai morta.

Ora mi chiedo cosa abbiamo fatto
delle stagioni passate ad aspettare
del dolore accolto a braccia aperte
della brina sui vetri, dei giorni di sole

Osservando ciò che mi circonda
vedo il segno delle mie contraddizioni
e non capisco che cosa è andato storto
e chi dopo di noi farà gli stessi errori

o come mai sembrerà naturale ch’io sia morto.

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 31/03/2015 17:39
    Molto apprezzata e piaciuta questa tua bellissima!

1 commenti:

  • Anonimo il 08/04/2008 11:15
    Sono riuscita a entrare in questo bellissimo testo. Mi ha fatta accomodare su una soffice poltrona. Insieme abbiamo dissipato il dolore, abbiamo danzato con amore. Ogni respiro ci ha spiegato che tutto è cambiato. Ogni cosa che ho vissuto insieme a queste parole è stato un vivere d'amore nella vita, oltre la morte.
    grazie per questi bellissimi pensieri. nel

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0