PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Giorni

Tradiscono le mie convinzioni,
seta purissima in cui avvolgere le mie bugie,
mi nutrono con le lame delle tue parole
ferendo il mio stomaco ma non il mio coraggio.

Deturpano gli affreschi dei miei sogni,
preziosi scrigni dove racchiudo la mia ipocrisia,
mi imprimono sulle mani il ferro ardente
lasciato nella fornace della nostra passione,
per sentire ancora quanto brucia sulla pelle.

Frantumano i cristalli delle mie speranze,
lucidi specchi sui cui guardare i mille volti della mia vigliaccheria,
mi fanno ascoltare l’assordante boato
dell’esplosione di una bolla di sapone,
per capire quanto fragili ma impressionanti erano le mie certezze.

Mi riempiono e colmano quotidianamente,
fino a traboccare da ogni parte nella mia vita,
uno in fila all’altro, uno dopo l’altro,
periodico trascorrere di ventiquattro ore,
incrementano i miei anni,
arricchiscono le mie esperienze,
rendendomi, senza chiedere compensi, l’uomo che sono.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Chirio Giocoliere del Verbo il 18/04/2010 22:37
    a mio parere troppi mio, mie, miei, nostri.
  • Pietro Zappia il 08/04/2008 19:19
    non posso che ringraziare le mie lettrici... un saluto a tutte!
  • Anonimo il 08/04/2008 16:59
    Complimenti
    Mi piace questo ritratto...
    Ciao
    Angelica
  • Anonimo il 08/04/2008 16:22
    davvero bella.. travolgente.. ciao!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0