PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il Sabato della città

La bimba vien dalla stazione
ha un piercing, una borsa
un bel maglione

siede in cucina
davanti alla tivù

sua madre
che... parla da sola


Stanno fuori ad attenderla
i ragazzi alla ringhiera

è il giorno dello sballo:
fumo, un bicchiere e
qualche ballo

è il giorno tanto atteso
una botta di gioia

il domani si sa già :
noia, noia, e ancora noia.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Lele M. il 16/04/2008 21:21
    Amo le parodie (non necessariamente quelle disimpegnate: anzi, questa non lo è affatto!) e devo dire che questa è davvero molto bella...
  • francesco sobberi il 16/04/2008 16:08
    un "sabato del villaggio" di leopardiana memoria reso attuale, dove l'incertezza del futuro viene sostituita dall'indifferenza.
  • Michelangelo Cervellera il 12/04/2008 00:48
    Immagine della nostra società individualista, dove non c'è tempo neanche per i figli e loro scappana in cerca di un'illusoria libertà. Vera e bella. Michelangelo
  • laura cuppone il 08/04/2008 12:45
    spaccato reale e triste, secondo me, dell'attesa del sabato...
    ciao
    laura

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0