accedi   |   crea nuovo account

Svendo monete auree ad un viaggio a ritroso in opere letterarie

Sono un lupo
Soltanto un solitario
Una belva soltera
Dai calzini bianchi

Vivo nelle steppe
D’un appartamento

Avvolto nelle nebbie

Dal fumo nero delle Gitane bleu
al biondo
Marlboro
Che tanto odio

mi proteggono

Dalle mie fragilità
Dalla mia pelle argentea  squamata
Cadente veloce in pezzi

Mi rendono l’ invisibile
Su balconi di Sole
nel cuore del mio Alter ego

Non esco fuori allo scoperto
Potrei fra le lacrime abbracciare un cavallo

Potrei
Piantare Casini  Per Fino
Ritrovarmi un  vorace nano psicotico come Presidente
Avere sette in pagella con il ventre vuoto
Perdere il dilemma  in un nido di corvi
fra giudici e rifondatori e prodi
ritrovarmi su una sedia a rotelle
facendo cadere Il muro di Berlino otto alle 9

Finendo in manicomio
Fra le braccia  bonifacee di psicologi assassini

Stai lontano dagli esseri umani
li amo troppo
anima mia

E non ho più cuore da dargli
In pasto

Le mie carni sono finite


123

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • karen tognini il 03/04/2011 14:54
    Bellissima... stupenda...
    non l'avevo mai letta sara' felice una persona anche a me cara di rileggerla...
  • Anonimo il 03/04/2011 13:45
    La rileggo con piacere e altrettanto piacere mi fa il commento che ti ho lasciato un secolo fa. Lo riscriverei tale quale, un commento per una nicchia speciale. Questa!!! Piena di enegia!!!
    Ciao meraviglioso Cap, e grazie infinite
    Nel
  • Nicola Giordano il 03/04/2011 11:37
    Poche son le belle poesie. Questo sito non fa eccezione. Aperto a tutti e a tutto per sua natura esso è. Ma finalmente leggo una poesia degna di essere letta.
  • Anonimo il 09/04/2008 13:59
    Questi tuoi versi sono straordinari. Leggendoli il mio corpo in superficie ha sentito aggressività, ma era un attimo. Mentre le parole penetravano gli strati più profondi dell'incoscienza questi versi mi hanno portata lontano, senza corpo, senza peso in un non luogo che non conosco, ma è pura energia che la mia anima ha percepito leggendoti e nella tua rabbia ho trovato luce per creare un equilibrio naturale che sento ora dentro me, dopo aver letto e riletto, vissuto, interiorizzato e amato infinitamente. grazie fratellosorella. n

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0