PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

INCONTRO A PRAGA

C’era la luna,
ma era spuntata e livida,
quando Lucifero, Stella del Mattino, e
Legda, Signore dei crocicchi,
si incontrarono
sotto gli occhi
del Santo Venceslao.

<< Salute a te, primo dei Caduti >>
Esordì Legda, accennando un inchino,
a cui Lucifero fece risposta immediata
<< Salute a te, figlio dei destini>>.
E con un cenno l’invitò a seguirlo.

Non so dirvi con precisione neanch’io,
che ne fui testimone, cosa esattamente accadde.
Percorsero piazza Venceslao e al contempo
altre cento, mille, milioni
di piazze. Come se stessero percorrendo
l’idea stessa di piazza e non una piazza.

I palazzi urlavano ad ogni loro passo.
Dalle schiene dei passanti scivolavano via
quelle poche certezze che al mattino
li avevano convinti ad alzarsi per affrontare la vita
e
il loro posto fu preso da ansie striscianti in sella
ad enormi cavallette appestate.

Le urla della città andavano crescendo,
urla d’odio e paura che laceravano l’anima e
corrompevano la realtà.
Il silenzio giunse inaspettato
sulle ali di una non musica,
una canzone muta che cancellò alcuni ricordi
mentre di altri fece sogni da domenica
di Agosto.

Ripristinato l’ordine
Lucifero e Legda volsero verso la via dei fornai
e la risalirono fino a Stare Mesto,
dove impazientemente erano attesi.

L’orologio scandiva da secoli la vita boema,
aveva conosciuto re, imperatori e angeli vari,
ma quando li rivide insieme trasalì.
Da secoli custodiva un segreto:
il loro.


12

0
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 21/05/2013 14:36
    Questa tua poesia letta da oltre mille, e non degnandosi di un commento, io Magno de alloro t'incorono, per questa tua eccelsa ma eccelsa davvero, conoscendo Praga e vivendo ancora oggi dopo 30 anni a Bratislava.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0