username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Perchè sono qui

Continuo a fare una cosa che
tutto sommato non ha poi
tanto senso:
guido per ore
senza una meta
e penso
a me stesso
al mondo
alla poesia
e a tutti quelli che come me
non avevano
semplicemente voglia
di avere un punto di arrivo.

Persone diverse da me
forse migliori
sicuramente diverse
difficilmente più sole
e la Cadillac blu
va troppo piano per andare
da qualche parte
così come quella vecchia
Oldsmobile marrone
strana
triste
goffa-goffa
giù in fondo alla strada.

Guidiamo così senza una meta
ma tutti
proprio tutti
prima o poi ci fermeremo da qualche parte
anche solo per fare il pieno
di benzina
o di birra
o di qualcosa che serva per andare avanti
nel traffico
comprensivo
della notte

E la fragatura è proprio questa:
arriveremo da qualche parte
con la schiena sudata
e le gambe indolenzite
Scenderemo dalla macchina
e chiuderemo lo sportello
incamminandoci
meccanicamente
verso un posto
dove difficilmente
staremo bene.

Accendo la luce
mi sdraio sul letto
e mi chiedo
perchè sono qui.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

16 commenti:

  • Debora Di Mo il 09/03/2009 19:31
    un bel viaggio
    un bel tratto di strada
    dal sapore di tabacco... mi piace
  • gabriella zafferoni sala il 02/01/2009 20:07
    interior on the road
  • Anonimo il 14/10/2008 10:32
    È come essere leccati dalle tue parole, catapultati nel tuo bioritmo, annegare nei suoni che nascono e vivono in quello che scrivi!

    KL
  • Riccardo Brumana il 09/09/2008 21:39
    è bello ogni tanto girare senza meta, farsi portare dalla macchina che va da sè... ma per come sono io preferisco darmi delle mete raggiungerle, poi altri obbiettivi, e provare a raggiungere anche quelli... insomma, non sono molto per il cazzeggio, certo, dieci anni fa era tutta un'altra cosa. ciao Duccio.
  • Ivan Bui il 27/08/2008 11:26
    ... riletta é ancora più bella.
  • Ivan Bui il 18/07/2008 15:34
    ... una bella domanda. Non so se e dove arriveremo, ma credo valga la pena continuare a cercare...
  • Matteo Tognela il 11/06/2008 06:25
    ben ritrovato, Dean.
  • Anonimo il 16/04/2008 19:33
    Ciao!!!
    Molto bella...
    Complimenti per il tuo libro di poesie!!!
    a presto
  • francesco sobberi il 16/04/2008 11:51
    Mi è venuta in mente una citazione di Céchov "la cosa migliore è evitare la descrizione di uno stato d'animo. Bisogna provare a renderla comprensibile dalle azioni dell'eroe". bravo, ciao
  • Anonimo il 10/04/2008 23:19
    Ciao Duccio,
    ognuno di noi si può ritrovare in questa tua poesia..
    Il tuo stile non sfigura mai...
    Un abbraccio
    Angelica
  • laura cuppone il 10/04/2008 22:57
    mi sei mancato...
    bella Duccio!
    ciao Laura
  • Antonio Pani il 10/04/2008 19:16
    Ciao Duccio, bentrovato. I miei complimenti, uno scritto meno "asciutto" e sferzante del solito, ricco di verita", di te, di noi. Complimenti, mi e' piaciuto tanto. "... con la schiena sudata...", speciale, un verso che fissa un attimo "forte", indelebile. Perdona il commento "fiume". A rileggersi presto, ciao. Antonio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0