username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La giostra

La luna disseta il fiume con la sua lucentezza
ed io clandestino in una notte che non mi appartiene
mi confondo tra le ombre degli alberi spogli d’autunno
rubando al cielo distratto tutte le sue stelle spente
come un ragno paziente che tesse la sua bianca tela
qui sulla sponda del fiume dove il sole non sorge


Una volta mi hanno detto di non perder mai la fede
ma io ho smesso di pregare quand’è morto mio padre
perché ho ferite sulla pelle ormai cicatrizzate
il tempo che è passato lentamente le ha curate
ma le ferite sotto pelle…sono madri di dolore
e nelle notti senza stelle fanno ancora male
le ferite sotto pelle…sono madri di dolore
e nelle notti senza stelle le sento ancora sanguinare.

Girano le pale dei mulini a vento
spinte dal respiro di tutte le speranze
girano le pale dei mulini a vento
come un cane impazzito che si morde la coda
ed io qui seduto sul bordo del tempo
osservo in silenzio la vita passare
a volte lenta e zoppa ed a volte di corsa
a volte stanca e triste ed a volte gioconda
ma nel walzer dei giorni profumati di sogni
spesso lei è meschina... puttana ed assassina
ed allora come un ladro esco a frugar nel cielo di notte
alla ricerca di una perla…o qualcosa da rubare


Una volta mi hanno detto di non perder mai il sorriso
perché c’è sempre un orizzonte oltre un campo di grano
ma con negli occhi il tramonto della più bella età
ora bevo vino rosso brindando con i rimpianti
con negli occhi il tramonto della più bella età
oltre i campi di grano non vedo più brillare i diamanti

Quante cose che ho perduto tra bestemmie e preghiere
quante strade che ho percorso senza mai partire
quante volte ho creduto di poter quasi volare
…e quante volte ho dovuto fare finta di capire
che la vita è una giostra di cavalli rossi e gialli
.. che la vita è una giostra…anche quando non gira!!!

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Nicola Saracino il 06/08/2008 14:58
    testo da mettere in musica
  • lupoalato maria cannavacciuolo il 01/06/2008 12:20
    Molto bello lo avresti potuto sviluppare come racconto
  • Vincenzo Capitanucci il 19/04/2008 15:41
    Sublime... in quanto a genio non sei da meno... queste ferite sotto pelle sono un buco nero... la via per l'ex novo

    Giostrando con una fede immensa
    v
  • suzana Kuqi il 13/04/2008 12:32
    bellissima! Bravo!
  • laura cuppone il 13/04/2008 11:00
    ... parti con un'introspezione quasi maniacale.. nonostante l'apparente calma inneschi bombe e infili lame... spine.. osservando te...
    poi ti sposti e allarghi.. il tuo sentire al resto... che diviene un tutto...
    coinvolto da se stesso e dagli eventi... sconvolto dalla bella età e nostalgico..
    ... nonostante l'analisi per nulla fredda... ma logica... si percepisce, perchè lo trasmetti, un senso di interiorità e spiritualità che possiedi tuo malgrado... che se solo non fossi profondo come sei... non cadresti dentro te stesso e non ti perderesti cerdandoti...
    esiste.. una ricompensa.. per ognuno di noi... per tutti noi...
    ed un sentire nell'anima.. e nelle ossa... che supera.. il male..
    beffarda... giocosa... infantile.. sognatrice... gialla e rossa la vita.. come una giostra... a volte é questo..
    anche...
    bella! sempre come una canzone...
    musicale... e intensa.
    ciao Laura

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0