accedi   |   crea nuovo account

SENZA TITOLO (indovinello)

Ho bisogno di te
non ti voglio
ma ancor più mi manchi.
Ti scaccio dal mio corpo
che liquefatto ti brama.
Arcano assenzio
che subdolo mi torturi.
Ti sputo in faccia
ma infimo mi richiami.
Come l'ultimo infinito respiro.
Profondo.
Arresa ti fagocito
fin dentro corpo ed anima
e mi basti
perchè son tua schiava.
Lasciami, ti prego.
lasciami per farmi vivere ancora.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Paola Reda il 25/04/2008 22:44
    x Vitt: quale principale osservazione? Le grane in negozio? Non ho nessun negozio. Un cliente che mi possa denunciare alla Santa Inquisizione? Nessun pericolo... lavoro grazie al Clero. Verrai tu a spegnere il rogo? MMMMMMMMMMMMM... lascio a te il commento multi-interpretativo del mio MMMMMMMMM
  • Paola Reda il 25/04/2008 16:39
    x Vitt: propongo un "COMITATO" anti LISA che copia le idee al Signor Fornasini, prima ancora che LUI si accorga che gli sono venute e... peccato tu non faccia parte della Santa inquisizione...
  • Vincenzo Capitanucci il 17/04/2008 14:27
    Bellissimo... Assenzio torturante... d'una schiava d'Amore..

    Grazie per il tuo commento perfetto.. a Tappeto..

    Una pipa mentale
    v
  • le fabbriche dismesse il 13/04/2008 19:53
    Non so che cosa sia... potrebbe essere un sacco di cose, ma come dice laura la sigaretta ben si adatta alle tue parole... in ogni caso i tuoi versi sono molto belli...
  • laura cuppone il 13/04/2008 12:24
    ... secondo me é la sigaretta...
    non so...
    come schiavitù...
    bella in tutti i casi...
    ciao Laura
  • Adamo Musella il 13/04/2008 11:21
    Non so cosa sia, ma la tua diventa intima e molto bella da leggere e da vivere Un bacio
  • giuliano paolini il 13/04/2008 10:52
    per me e' l'orgoglio che ferma e inquina lo sviluppo della vita ma che ahime
    e' anche il solo carburante di cui disponiamo per arrivare al punto in cui la vita stessa si impadronisce di noi e poi finalmente si espande senza controllo
  • Anonimo il 13/04/2008 09:58
    Quella bastarda?
    Però anche vista sotto il profilo erotico non è male...
    Un abbraccio
    Angelica

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0