username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Sognante invito al viaggio a Charles Baudelaire

J’ai mal à ma fleur

A questi Paradisi violentati

Non artificiali

Sono la pura essenza

Il profumo dell’essere

La Prostituta Louise Villedieu
Vendendosi per 5 franchi

Non riuscirà mai a vedere

Davanti al nudo sublime immortale
Scorgerà solo l’indecenza

Immoralità

Corrispondenze foreste di Simboli profumi
Sei il maledetto della Sociètà

L’albatros

Lo Spleen che divora la Milza

Le terre desolate da cui nascono i fiori del male

Da questi piaceri effimeri in rivolta
Il rinnegare Dio abbracciando Satana

Un’anima nera ricoperta soltanto da gioielli sonori
La tua amante la tua sposa in un corpo di ebano
Un serpente alato danzante

Un sogno dell’anima mette il veliero nelle vele

Silenzioso con Te ti sono compagno

Per un cielo lontano

Che ora è Charles

“Il est l’heure de s’enivrez

Là, tout n’est qu’ordre et beautè
Luxe calme et volupté »

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 14/04/2008 23:08
    Uno dei miei poeti preferiti...
    raccontato da un poeta particolare come te..
    Complimenti Vincenzo
    Un abbraccio
    Angelica
  • Giovanni Cuppari il 14/04/2008 22:59
    Un viaggio nel mondo poetico di Baudelaire raccontato poeticamente da un artista "particolare". Eccezionale e piacevole. Bravo Vincenzo. E poi Baudelaire è uno dei miei preferiti. Gio'
  • Aedo il 14/04/2008 22:21
    Un viaggio verso le atmosfere particolari di Baudelaire, che vanno al di là dell'effimero e dei confini dell'asettica moralità. Bravo!
    Ignaziio
  • lupoalato maria cannavacciuolo il 14/04/2008 17:46
    Da brivido. Molto profonda ti fa sentire nuda...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0