accedi   |   crea nuovo account

Beat OpenBe alla Massa nel quadro d'una Luce duplice

Non più storia
l’energia del passato
il senza tempo
è presente ovunque

mi perdo nel Tempo
Sembro voler partecipare al premio Campiello

cerco solo il suono a Campà
Per modificare leggi distruggenti  la terra

Il canto di cicala ci cala
nei tempi definiti del verso
Non supera la lunghezza corta l’estate

le parole del sondaggio
disarma.. manna ggia
Cadono le braccia al saggio
Non ha più inchiostro nero nella penna

Consapevoli Faggi
Dalle scritture in fogli sempieterni

La  prima presenza in lacrime tragedia
nella seconda  il canova ccio sfilacciato è risata di  farsa

Non c’è scelta non c’è evasione
Un atto chiuso in se stesso

La delusione
gira a destra bipolarizzata dalla  polvere sinistra

al genere Fantastico


Tanto vale dirigersi sul primo scoglio letterario
Scrittore nano alchimista
L’Opera in nero Sarà più corta

Avanti Margherite Yourcenar
Popolo dal cuore comunitario

seguiamo Senza palpitare Zen one
Affondiamo nelle ossa


Continua silenziosa l’invisibile rivoluzione
Di scheletrici poeti carbonari bianchi

12

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Alessio Cosso il 15/04/2008 13:47
    ... in queste righe, in questi versi, gli angeli di desolazione cantano...
    sempre bravo Vincè...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0