accedi   |   crea nuovo account

testa croce ed infinito

E quando la lenza si spezza
e quando rimangio
quell'aspro di vuoto
e un sole m'aspetta
in un lato di mondo non mio
e quando anche il vetro c
o
l
a
segnando rigagnoli duri sul passo
che trito pestando,
quadrati di righe
mi spingono
invano
sott'acqua,
e quando mi bussa
anche l'ultimo me
mi spruzza sul volto
del sangue ridendo.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • augusto villa il 01/03/2014 15:59
    Davvero bella!... Complimenti!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0