accedi   |   crea nuovo account

Aborto di primavera

Quando un attimo fa
estati sospiravano sui nostri capi
Ora autunno secca e inverno ghiaccia,
tra le labbra la mia rosea accetta
spacca ossi e spreme vita
fende taglia e sminuzza
arrogante come chi sgorga sangue da maiali vivi,
per questo giù per la gola,
oltre il riflesso faringeo
nello stomaco
muffa
d'aborti di germogli

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • augusto villa il 01/03/2014 16:04
    Bel modo di scrivere... piaciuta!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0