PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Carne e viscere

Dio è carne e viscere
Dio è carne e viscere
Sacro è solo il pensiero che ti fa vivere
e tutto ciò che t'appartiene
sta in un piano irraggiungibile...
inafferrabile, ingiudicabile
come la fede dei tuoi discepoli..
Laica è la mia fede
qui nella tua santa sede
Roma ti ha creato fortezze imperiali...
Oro che ti circonda
chiedi a Cristo se ti perdona
Oro per bellezza che abbonada
e tuo figlioè la vita che dona
Oro che abbaglia la povertà
Oro che tramutato in carta
sfamerebbe la tua richiesta di carità...
Quanti termini per te creati
Quante illusioni
per rimanere agrappati..
Quando sei solamente carne e viscere...
Quel che tu chiami destino
è solo il mio lungo intestino
Quel tanto elevato amore
è solo il mio rabbioso cuore
Hai tracciato tutti con la Bibbia
io credo solo nella mia umile tibia
Fuoco che arde nelle mie vene
tu che inciti a soffrir le pene
Tu che invogli al martirio
illudendo al libero arbitrio
E se tuo figlio è morto in croce
io ti sbatto ad alta voce
Sono martire della mia esistenza..
Ma non cerco te!
Ma non aspetto te!
Ma non dedico a te!
Il mio tempo!
Il mio spazio!
Il mio viaggio!
E se esiste il peccato
è proprio in tutto ciò che tu hai creato
E se esiste veramente Dio
Questo sono solamente Io
Solamente Io
Se c'è veramente un Dio
Quello sono solamente Io
Solamente Io
Solamente Io...

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Aliena il 29/06/2012 21:17
    profonda e intensa, forte e sottile.
  • Anonimo il 04/10/2008 10:43
    consapevole di limiti e potere arbitrio è nostro
  • Roberto Faint il 13/09/2008 01:40
    poesia che ho apprezzato perchè scritta in maniera sincera ma soprattutto sentita. Nietzsche e Feuerbach gradiranno.
    Ciao
    Roberto
  • Anonimo il 16/07/2008 23:53
    roma patria di atei e dei, ma è sempre roma, si sono dacordo con te, bella e piaciuta ciao carlo alla prossima. salva.
  • Ada FIRINO il 15/07/2008 10:13
    Molto dura questa poesia, Carlo, ma vera e sentita! Noi possiamo essere dei o Diavoli, e vivere l'eternità su questa terra, dipende da noi. Apprezzo la tua sincerità.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0