accedi   |   crea nuovo account

[Senza titolo]

Sono rinchiusa in un Castello

Il mio nome è Vincenzina

Anima principessina

Il ponte levatoio  perennemente alzato
Difende il mio regno protetto
In una cintura Castà

Con  famelici Crocodile Rock nel fossato Big John

Vivo nella torre più alta
Al settimo piano forse
Fra merli e merletti avvolto i
Affamati matti  nanetti dell’infinito

Aspetto con paziente impazienza
Il principe Azzurro su un ippocampo bianco

Mi rompo un po’ m’annoio
Sono triste fatalmente nostalgica
In queste nebbiose basse maree

Di non essere amata di  Passione Travolta
In una febbre da Sabbato sera

In tutte queste stanze  danzano addormentate
Le ragnatele
Mi raccontano delle storielle
Da mille e una notte moscata

Siete fortunati sono debitrice alle stelle
Nel loro profumo raccolgo il  fumo sognante

Se avessi un credito illimitato
Ne manderei ad ogni istante
Sulle infinite ali di un non pensiero

Acciuffo solo quelle dai capelli lunghi
Quando le vedo soffocare
Sono Zingare selvagge cercano bambini
Per viaggiare elemosinando con loro
Briciole di Paternità vestiti di Re

Quelle calve luminosamente gialle
Mi sfuggono untuose sublimati
Di evanescenti Sogni coronati


12

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 22/04/2008 09:22
    n
  • terry Deleo il 20/04/2008 09:20
    No, non tornare serio... sennò arrivo io, puffaazzurra, col mio MINI-pimer a rifarti il cocktail... lascia che l'illusione aleggi nell'etere...
    Sei divino Angelo Vinc
  • Anonimo il 19/04/2008 13:28
    Sempre sublime, immacolata principessa sulla torre di burro d'avorio. nel

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0