accedi   |   crea nuovo account

Per fortuna mi colse un'onda di pudore ai morti-vivi

A Prima vera
Anche le patate s’innamorano

Germogli verdi di amido
In cerca di luce

Nei fogli le cipolle
Stratificano il cuore

Un favagello emostatico dai fiori gialli


Madre Natura

Un silenzio cosi profondamente

vergine

Non fu mai scritto

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Dora Millaci il 22/04/2008 15:43
    nonostante il lessico umile e privo di qualsivoglia orpello, questo "semplice" testo risveglia malinconiche emozioni. C'è qualcosa di goffo in questo innamoramento, forse perchè fatto vivere da umili ortaggi. Ed è questa goffaggine che tradisce l'immensa malinconia di chi scrive, malinconia che diventa magia nel riuscire a congiungere una natura silente ad un sentimento grondante.
  • Anonimo il 22/04/2008 11:30
    ... l'hai scritto ora TU...
    Madre Natura ha colto, ha cullato il tuo seme, farà crescere l'Albero Universale, con i rami in Terra e le radici in Cielo.
    Un abbraccio e un infinito grazie per tanta bellezza espressa in forma di parole. nel

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0