accedi   |   crea nuovo account

NONNA

Tu non ci credevi nonna, ma sapevi
fosse andata come è andata
"ma va bene" , dicevi :ognuno ha le sue pene:
riflessi di rimpianti
commedianti di epoche lontane.
Una giovinezza sciolta e cenere
come in quel pagliericcio
dove hai capito che è meglio non capire
chiudersi come un riccio e dispensare latte.
Darti a un marito, che rende sempre più ampio
un nido a stento digerito.
Ricordi dei tuoi effimeri giochi
Delle zuppe cotte in umili fuochi
che dipingi con lo stile dei naif.
Ma sei stata dignitosa, hai sofferto
e ti rallegri nel modo più triste
per un peccato che non hai commesso.
E adesso che il tuo fanale è come le stelle all'aurora
Mi parli ancora, in modo diverso, come tu stessa lo sarai
Quando mi racconterai di te, senza il grembiule che ti stringe,
In una vita dove nulla ti costringe.

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 14/01/2012 09:22
    la nonna è sempre la nonna! Non ci sn sanpietrini che tengono! Poesia sperimentale e molto emozionale!

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0