username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Svestiti

Quando andremo a Zanzibar

Niente contano i giorni

Porta  solo con Te una foglia di fico

Ti regalerò vestiti di Luce

D’un colore bianco mare  azzurro di giglio

Oro
Celeste divino

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

15 commenti:

  • Raju Kp il 05/07/2009 10:40
    Zanzibar.. il viaggio .. che colori.. bella ciao raju
  • Roberto Luffarelli il 30/11/2008 18:02
    Il viaggio inizia subito con il primo verso, desideri fuori dalla quotidiana realtà ma da questa alimentati. Bella la luce e la musica emanata dalla poesia. . . "Quando andremo a Zanzibar" . . . "Ti regalerò vestiti di luce", due versi bellissimi che mi hanno ispirato.
  • Vincenzo Capitanucci il 26/04/2008 05:08
    La meta è Zanzibar... il risveglio della bellezza del nostro essere interno... Zanzibar..è la nostra anima.. il nostro essere... non è questione di desideri... ma di essere... quel che si è. Non è questione di offerta casuale.. Paola.. o di destino.. se vuoi siamo predestinati a questa luce.. a questo divino oro celeste che c'è in noi.. sono queste le scarpe nuove...

    Ma cosa devo fare... sbattere la testa contro un muro per farvi capire.. Scusa non c'è l'ho con te.. ma ho appena letto una bellissima poesia di Angelica Ange.. ed ho visto dei commenti che mi hanno esaperato... disperato.. se questo fosse possibile.. ma anche il tuo però... se questa è la poesia che hai capito.. siamo a posto... scusa.. devo andare a fare un giro... per calmarmi..

    con affetto
    v
  • Paola Reda il 25/04/2008 22:03
    LOL... ma così non si ha mai una meta... un desiderio da realizzare... un punto di arrivo che potrebbe soddisfare i propri desideri. TUTTO è un DIVENIRE senza bersaglio? Senza un Fine? Senza una meta? Allora mi chiedo: che affanno è vivere la vita? È solo un caotico affrontare minuto per minuto l'offerta casuale che ci viene data dal destino? Mi sembra accomodante! Come togliersi le scarpe che ci stanno troppo strette, senza cercarne un paio nouvo che ci possa far stare meglio
  • Vincenzo Capitanucci il 25/04/2008 21:47
    è un vestito che cambia.. attimo dopo attimo.. sempre più chiaro.. un celeste è banale.. diffronte a celeste oro... ma dopo.. potrebbe essere... un celeste diamante.. e poi.. si continua fino all'infinito... finchè non lo si diventa.. lol
  • Paola Reda il 25/04/2008 21:40
    Ogni parola può cambiare il senso di una poesia. Chi la scrive se la cuce addosso come un vestito che copre il proprio vissuto. Non parlo del senso delle tue poesie, ma dello stile che mi incuriosisce... LOL
  • Paola Reda il 25/04/2008 21:35
    NON devi cambiare, assolutamente, sono io che non riesco a comprendere. Questo è il tuo stile, originale e inconsueto (desueto direbbero le persone RAFFINATE NEL COMMENTO!!!!!) Ma io sono curiosamente terra terra!
  • Vincenzo Capitanucci il 25/04/2008 21:32
    Ciao Paola... perchè tradirei in un certo senso chi l'ha commentata... una parola potrebbe cambiare tutto il senso.. non è qui il caso.. ma va bene così
    Grazie per lo sforzo... neanche mi pagano.. facciamo tutto gratis lol
  • Paola Reda il 25/04/2008 21:27
    Perchè dici che non puoi cambiare dopo il primo commento? Perchè non è più tua? Tuo è questo modo di scrivere e ciò è ... accattivante ed allo stesso tempo desta la mia curiosità. Mamma mia che fatica starti dietro... e neanche mi pagano per uno sforzo così grande!
  • Vincenzo Capitanucci il 25/04/2008 21:12
    Grazie a Tutte.. potessi cambiare...

    Celeste Oro divino

    ma non cambio dopo il primo commento.. non è più mia..

    un bacione
    v
  • terry Deleo il 25/04/2008 20:52
    Divino Vincenzo, posso venire anch'io a Zanzibar?... ho bisogno di un vestito di luce anch'io.. t
  • Anna G. Mormina il 25/04/2008 17:31
    ... una sola foglia di fico???... ma io mi vergogno...
    ... sto scherzando, scusami Vincenzo...
    Questa poes è una delle tue più dolci...
    ... non sarei riuscita mai a descrivere com'è il celeste divino, e BIANCO MARE, AZZURRO DI GIGLIO è la definizione perfetta!!! Bravissimo! . clap:
  • Paola Reda il 25/04/2008 17:09
    Mi sembra quasi impossibile fare un commento ad una tua poesia... CHE HO CAPITO!!!!!!! Splendidi i tuoi vestiti di luce nei colori non convenzionali.
    Ho letto tante tue poesie e credo questa sia la seconda che commento. Vorrei farti una domanda: perchè spezzi, apostrofi, scomponi le parole? sono curiosa, vorrei capire di più il tuo modo di scrivere. Grazie

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0