PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

ED ORA LASCIAMI…

Conobbi il lilium
Quella sera,
Mentre a piedi nudi
Leggevo il libro
Ed ero quasi alla fine..
Mi mostrò le rive del mare
E mi spiegò il mistero delle onde…

M’accarezzò il cuore
Un tulipano orgoglioso
Quell’autunno,
E le foglie caddero stupite
Poiché le nostre volontà
Sembrava dovessero fermare
L’inverno…

Poi, mentre passeggiavo
Sola per corridoi sconosciuti e accoglienti
Di una primavera magica
E sorprendente,
Arrivò il tempo che esplode,
Quello che illude le ore,
Quello che le piega e le sgretola
E le rende polvere di clessidra…
E tutto cambiò,
Tutto mutò!
Salii sulla nave
Che non aveva meta,
Né equipaggio,
Né Capitano…
Si realizzò così
Ciò che ancora resta sconosciuto
Al mio pensiero
E al mio cuore attonito e sorpreso..
Gabbiani,
Meravigliosi delfini,
Sorprendenti creature del mare, del cielo,
Ogni tanto fanno capolino,
Tra le onde e le nuvole…
Ed io
Che sono persa,
Occupata
Perché la nave vada avanti,
Nonostante le tempeste
O le secche,
Non trovo ancora la ragione
Per cui una volta salpata
Ho lasciato andare le scialuppe di salvataggio
Alla deriva…

12

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • Anonimo il 09/07/2010 16:43
    bello da dedicarci una vita
  • laura cuppone il 09/07/2010 11:32
    grazie infinite Raffaele...
    bellissimo fiore, vero?
    ...
    Lau
  • Anonimo il 09/07/2010 11:15
    anch'io ho un lilium nel cuore... bellissima. brava.
  • augusto villa il 09/05/2008 11:30
    Daiiiiii... già sono talpina... se poi... mi vengono anche gli occhi rossi... daiiiiii... Tenerissima Laura...:bacio:
  • laura cuppone il 02/05/2008 10:50
    Ringrazio tutti moltissimo..
    elargisco sorrisi... e soffi come baci
    lievi
    di fata...

    grazie...
    Laura
  • Anonimo il 01/05/2008 21:18
    sublime! come sfiorare l'acqua pesando, ma sapendo di non ammarare, perchè padrona del mare e di te stessa. veramente bella. salcod
  • Vincenzo Capitanucci il 01/05/2008 14:23
    Idem
  • Maria Lupo il 27/04/2008 01:38
    Veramente molto tenera e suggestiva

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0