PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Desiderio

Pallido e assorto nell’aria della nuova era
M’accorgo che per l’anima d’ella son schiavo
E’l disio accarezza il cor mio con gelide mani
Come la foglia che d’autunno vien baciata dal vento
Che aspero soffia dal nord padre suo onnisciente.
Eppur dolce ambrosia paiono a me le catene,
Eppur in codesto cielo non v’è nuvola
Eppur in questo amore orgasmo è il dolore.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0