PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il tuo compleanno

Che vuoi m’importi del tuo compleanno.
Dei tuoi regali, degli snervanti auguri,
della appuntita torta e delle foto
che senti da quel giorno più pesanti.
Trucchi il tuo volto e non senza sforzo
per non rimpiangermi,
se non altro questa notte,
e stare a galla sino a domattina,
dopo aver spento l’ultima candela
senza soffiarvi sopra ad occhi chiusi.
Dall’appannato specchio del make up
vedrai il superstite da dentro la gabbia
volar lontano come un canarino.
E i regali e la squallida candela
doppioni lerci di rare figurine,
ti angosciano promettendo di tornare.
Non mi diverte questa allegoria:
ma la tua poesia
non posso più cambiarla,
per rovinarla e farmi male ancora.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 28/04/2008 17:55
    amara e straordinariamente vera... un quadro espressionista.!
    Bravo, da una "poetessa -pittrice" come te!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0