PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

ansia

A un tratto mi manca il respiro,
il cuore comincia a battere forte,
cosi’ forte che mi fa’ quasi male.
Mi sale un senso di nausea, e’ di nuovo lei!
L’ansia…quel tormento che improvvisamente mi prende e mi blocca….
Mi sento morire….
Una sensazione ormai diventata familiare,
abituarmici è impossibile,
voglio tornare a essere serena…

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Anonimo il 20/01/2011 15:02
    Poesia è sfogliare le pagine della vita, senza volerne strappare alcuna.
    Tu sai farle leggere.
  • Francesca La Torre il 27/12/2009 21:32
    il male dei nostri tempi, brutta sensazione, tante volte provata.
  • Vincenzo Capitanucci il 30/07/2008 08:26
    non si ci può abituare...è l'ansa di un fiume... dove l'acqua stagna... e quando rimani intrappolato lì è terribile... bisogna credere ritornare nella corrente.. verso la sorgente... verso que l cielo sereno.. dove brilla il tuo familiare vero Sole... e li la casa... di ET... e di tutti noi...
  • Maurizio Molinaro il 22/05/2008 10:19
    Vivendola spesso, ti auguro di non sentirla più. Serenità uno dei miei stati preferiti peccato sia sempre lontano.
    Mi è piaciuta la sento molto mia.
  • 8y il 02/05/2008 11:48
    vi ringrazio per l attenzione... :bacio:
  • Anonimo il 29/04/2008 23:43
    Nelle tue poesie descrivi benissimo la sensazione che procura l'ansia.
    spero che ti abbia già abbandonato e ora tu sia pronta a scirvere della tua rinascita.
    Un abbraccio
    angelica
  • Anonimo il 29/04/2008 15:33
    ma cos'è tutta questa angoscia che ti attanaglia... così giovane... con tutto questo tempo davanti e così poco dietro... dai, piccola...
    trasforma in perle il tuo dolore!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0