PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Che ne fai

Che ne fai del Presepio
se la carne e il sangue dei fratelli
sono occhi rappresi di dolore
e si spinano ai rovi della vita...

Che ne fai della culla
se Rachele cresce figli beniamini
da vendere agli schiavi...

Che ne fai della nenia
se ogni suono è sillaba di guerra...

Svelami, adesso, il segreto che ti accende
e dammi la forza del tuo ravvedimento:
ch'io possa perdonati, uomo!

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • eugenio maiolo il 10/02/2009 23:04
    impressionato. molto bello e triste tutto questo
  • Aedo il 01/05/2008 23:48
    A volte è difficile perdonare l'uomo per i suoi misfatti, ma bisogna farlo, perché dobbiamo cercare di migliorare la condizione di chi soffre. Bravissimo, Giampaolo!!
    Ignazio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0