accedi   |   crea nuovo account

PASQUINO

PASQUINO

Pasquino è una statua scarna e bella,
perché der popolo ha diffuso la favella.
Nei tempi antichi ar potere dell'umano,
ha detto quer che pensa er popolo sovrano.
Da molto tempo questa statua è sempre muta,
come er popolo che vive in maniera dissoluta.
Dove è finito er verbo forte der popolo romano,
che sferzava er potente ed il genere umano?
Ho provato in questo tempo ad immaginare,
cosa direbbe se nuovamente potesse parlare.
Direbbe che l'umanità è tutta impazzita,
Perché nun ha rispetto più della vita.
Si uccide er prossimo senza niuna esitazione,
solo pè li sordi e senza arcuna distinzione.
Direbbe che se si considera così la vita,
la festa dell'omo sulla terra è già finita.
E che in mezzo a questo scempio e assenzio
è meglio anche per lui stare in silenzio!

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0