accedi   |   crea nuovo account

Il Fado conosce il futuro

Parlate sottovoce dentro le vesti nere
l’ora dei lamenti è ancora lontana
il destino compone i suoi quadri
mentre un canto si leva dalle strade
deserte e rimbalza in cielo

Lisbona piange la sua libertà
ancora troppo lontana, i suoi
poeti in esilio oltre l’oceano
L’anima del popolo vibra
con le prime ombre della sera

Il Fado s’allarga per le vie scoscese
imprigiona l’anima ed ognuno si ferma
Scoprite le vostre vesti che il nero
accolga ed apra la strada al cuore
Lisbona s’accende e trema di luce

Sulla collina si governa e si fa festa
nelle ville imbiancate riflette la luna
domani l’anima tornerà deserta
ché la speranza è merce del destino
solo la morte ne conosce il segno

ma ora è notte nelle taverne del porto,
la collina appare lontana nel riflesso
d’un gioco di luci, il dolore è nero
come il vestito di Amalia che canta
e lenisce il dolore della sua gente

Lisbona risorge e nell’aria si leva
Il Fado della speranza e del destino

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Giulia Andreoli il 19/05/2008 17:21
    O fado nasceu um dia
    quando o vento mal bulia
    e o céu o mar prolongava,
    na amurada dum veleiro
    no peito dum marinheiro
    que estando triste cantava,
    que estando triste cantava...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0