PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Trovar riposo

Laddove il sol fugge dai fiori
per suscitar dall’erbe strani odori di terra
distendo le mie membra e mi riposo.
Sconosciuti aromi inconsueti godo,
mi serra il petto vita inesplorata e nuova
quasi disseta e mi ritempra
quest’odore d’ascesi.
Dalla crosta di cerro e da corteccia
ecco spuntare una formica
che s’accosta, percorre la mia mano,
piano titilla e passa;
snella trai rami la ghiandaia salta e se la spassa,
poi plana nell’erba e scava lì dove,
meraviglia, tra le foglie s'eclissa
una famiglia di chiodini.
Il ragno tesse la sua tela, esca prepara,
triste sorte di mosca, di zanzara che passando afferra;
dall’ombrelle d’anemone rosata
esce la vespa impollinata e scintillando vola;
iridescenti di metallo gli occhi
la crisopa sfoggia sulle foglie di viola;
frinisce la cicala sul fior di stecco;
sulla felce che il muschio ombreggia
sbava la lumaca e si riposa;
preda, palla di sterco spinge scarabeo;
lassù sui tronchi scoiattolo ondeggia
d’agilità fa mostra alternando il rosicare.
Cresta levata, valica la quercia la ghiandaia,
grida come poiana e come gatto frigna.
Profumo di zenzero e di spigo
di primule, viole e margherite,
inalo pervinche e biancospini,
mi castigo di verde e di natura,
della strana creatura che m’incanta
e di un uccello sconosciuto che canta.
Mentre il gorgoglio del rivo mi richiama
prendo la via di casa per tornare
quando m’accorgo che non è un ruscello
ma d’un beccafico il gorgheggiare.

 

0
7 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • mauri huis il 13/03/2012 07:32
    Stupendo idillio bucolico che istintivamente invidio pur se anch'io ne godo a volte. La scelta di rinunciare agli articoli dona intimità e soggettività agli insetti ed animali del bosco e la lettura scorre via pulita e rilassante. Non si può che dir bravo. E complimenti.

7 commenti:

  • Giuseppe Tiloca il 09/09/2009 09:34
    Non potevo non commentare questa meraviglia espressa alla natura, ossia la cosa più bella che ci sia. Troverai sempre riposo, Ugo, immerso nella natura, perchè, anche se non può parlare, sa inviare emozioni e sorrisi. Stupenda la parte della formica, e dei funghi, la vespa che impollina i fiori... Sei stato bravissimo e, io, che adoro la natura, non potevo che darti 5 stelle. Bravo Ugo!
    giuseppe
  • sara rota il 06/09/2008 11:44
    Stupenda immagine di natura scritta in poesia. Bravissimo. :bacio:
  • Anonimo il 05/05/2008 21:41
    Uao... La completa immersione nella natura e nei suoi figli e nelle sue figlie per distaccarsi dalla frenesia della città, per riposarsi, per rigenerarsi... Non posso che essere daccordo con i commenti degli altri amici: descrizioni da vero miniaturista... Complimenti!
  • Anonimo il 05/05/2008 19:50
    Mentre la leggevo, davanti ai miei occhi scorrevano,
    le immagini che hai dipinto con i tuoi bellissimi e profumati versi...
    Mi unisco al coro..
    Proprio un favoloso quadro impressionista.
    ma Ugo ama la natura e la sa disegnare con le suue poetiche parole animate.
    Ciao Ugo
    Angelica

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0