PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

SIBILLA

come un'ostia
intinta nel greto in secca di ogni gora immemore
tu dai voce alla mia profezia
dipingi coi tuoi morsi
il cielo e la terra delle campagne
mi acclami
lacerandomi

cullami, Sibilla,
nei monologhi di tutti i tuoi turbini
nella beatitudine della tua ingordigia

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0