accedi   |   crea nuovo account

La vampa

Brilla e favilla la fiamma che avvampa
Arde e corrode contorce e divampa
Si avvolge e avviluppa sul canto del vento
Si scuote e si sfascia in rovente lamento
Di bragia e tizzone si strugge incessante
Si sfila in garbugli di fumo accecante
Che sale e che scende in gomitoli opachi
E appanna la fiamma con bigi ricami
Nebbiosa e odorosa che intorbida e imbratta
Incendia la carta, attorciglia la latta
Tra sbuffi di zaffiro frigge lo zolfo
E ingombra il camino di torbido ingolfo
Smargiassa e sbruffona dell'ombra si burla:
appresso a lei prilla si avvita e le chiurla!
In crepiti e schiocchi s'avvinghia col ciocco
Che sia di castagno, di quercia o albicocco
Di bianco o di rosso, gialletto o celeste
tra smorfie e sberleffi s'agghinda la veste
Tra dune fumose di cenere, giace
qual gemma lucente di fulgida brace.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 26/11/2010 18:57
    Sei un grande!
    Hai scritto delle rime eccezionali!

    Bravissimo!

    Grazie!
  • Roberta P. il 11/11/2009 18:11
    Non è facilissimo (anzi, tutt'altro) creare rime di senso compiuto!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0