username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Eclisse al Limone

il sole
ho comprato con una coda al sportello.
In Asia sarebbe gratis e anche scottante e grande.
qui ormai è una nanna bianca,
con fatica colora questa pelle distesa.,
tutti nudi o mezzo,
sopra il tessuto a spugna.


L’orgoglio provinciale fa sospettare
chi è diverso di colore o anima,
è povero, ignorante e immigrante
amore è ridicolo.
perché veste di parole e gesti diversi
l’onda non appartiene al mare.
la sabbia non al onde,
il sole non alla luce,
solo la pelle scura,
per fare bella la sera.

Sotto questo sole,
i bambini derubati della loro innocenza,
la società li fa diventare uomini.
Cosi un sole,
dietro questa fetta di limone sul mio bicchiere,
subisce eclisse limonosa.
abbronzare tutti a stesso colore.
unire almeno i corpi,
poi per le anime si vedrà.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • lupoalato maria cannavacciuolo il 12/07/2008 22:56
    questa poesia ha qualche piccolo errore (disattenzione magari o sbaglio innocente) di ortografia e all'inizio è un pochino confusa, ma il senso si rivela negli ultimi versi! se vuoi chiarimenti non ti preoccupare scrivimi tranquillamente
  • c m il 18/05/2008 14:49
    mi piace.
    grazie anche per il commento
  • Raju Kp il 17/05/2008 10:44
    Grazie Vincenzo... del passaggio. Il colore nero per tenere la coscienza sveglia.. essiste ancora un mondo cosi., non possiamo lasciarlo oggi che il sole quasi diventato pallido.. possiamo togliere ignoranza e razze
  • Vincenzo Capitanucci il 09/05/2008 17:44
    Ragazzi la ricreazione è finita e non state lì a prendere la tintarella che tanto non vi serve. (Taggart) [parlando agli operai neri]
    Io sono nato qui e non permetterò a nessun rompiballe, sporcaccione, cornutaccio, figliendrocchia di farmi lasciare la madrepatria, che va amata e difesa da me e da tutti voi figli di puttana! (Gabby Johnson)
    Quanta poesia mister Lamarr, lei sa usare la lingua meglio di una zoccola da venti dollari. (Taggart)

    Dialoghi [modifica]
    Sceriffo Bart: Siamo svegli?
    Jim: Siamo mica sicuri... Siamo negri?
    Sceriffo Bart: Sì lo siamo.
    Jim: Beh allora siamo svegli ma siamo molto perplessi.

    Da mezzo giorno e mezzo di Fuoco..

    Con tanto Amore Raju

    Vincenzo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0