PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ma io ho paura

Ho paura dei muri
sempre così stretti, così solidi
muri che spesso non esistono.

Ho paura dell’aria
sempre troppo poca
così gelida per respirare
umida, calda
secca da star male.

Ho paura di me stesso
perchè possono rapirmi
e degli altri ho paura
perchè io sono il ladro.

Ho paura della fretta
che ruba e fugge via veloce
e di chi la fretta non porta
ma sta sempre fermo.

Ho paura di chi parte
con le mani attaccate al finestrino
e di chi ritorna sempre
a rubarti l’aria da vicino.

Della parola ho paura
perchè verità sogna mentendo
che nessuno conosce
e che troppi sanno:


Ho paura del buio
di chi ci sta in mezzo
di chi si nasconde
e di chi troppo si fa vedere.
Ho paura del sole
perchè vede e illumina
cose che in penombra dovrebbero stare.
Ho paura dell’ombra
che non mi lascia mai solo,
e quando mi lascia è notte
e solo mi sento
Ho paura dei palazzi
delle città
di quelle strane figure che chiamano uomini.


Ho paura degli occhi, che spesso non vedono
degli altri e di me stesso
dello specchio e del mio riflesso
dei burroni e dell’universo.

Ma ho soprattutto
paura del tempo
come se passato e futuro
percorressero la stessa via
una via che non è presente
ma che mi mette paura.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Giusy il 17/11/2011 17:01
    semplicemente stupenda, paura di tutto, paura della vita, del presente del passato e del futuro..
  • IGNAZIO AMICO il 18/04/2009 00:04
    Poesia vera, di forte impatto: c'è tutta la fragilità dell'essere umano espressa con parole efficaci e proprie. Concordo con Roberta Berardi: è una poesia come poche se ne incontrano in questi tempi. Tanto di cappello all'Autore.
  • morena paolini il 03/09/2008 14:54
    Molto bella questa tua... paura. Certo che non fa paura come scrivi, perchè sei molto bravo.
    Dimenticavo, grazie per avere inserito (indovinelli poetici) Morena.
  • Adriano Di Carlo il 24/06/2008 11:51
    si crea ansia e ritmicità che varia. crea angoscia, è ciò che mi serve, grazie roberta
  • Roberta Berardi il 23/06/2008 23:00
    ah... unico appunto... mi disorienta la tua abitudine di mettere i verbi alla fine della frase. per il resto, ancora complimenti!
  • Roberta Berardi il 23/06/2008 22:58
    è una delle poesie più belle che abbia mai letto qui!
    le ho lette quasi tutte le tue... e secondo me tu hai un talento non irrelevante, mi hai davvero colpita!
    è davvero bello vedere qualche coetaneo che sa scrivere così bene, complimenti!
  • Emiliano Rizzo il 24/05/2008 02:51
    la ripetizione di un concetto (in questo caso "ho paura" riesce ad esorcizzare il concetto stesso. bravo.
  • Vincenzo Capitanucci il 17/05/2008 05:33
    ho paura della paura.. della verità che sogna mentendo... in quella strana figura... chiamata uomo..

    v
  • Patrizia Cremona il 17/05/2008 01:00
    La paura vive in noi.. non si nasconde. Scorre al di la del tempo e
    dello spazio..
  • alice di nanna il 12/05/2008 15:05
    e io ho paura della belleza dei tuoi versi e spero tanto che i tuoi muri daria vengano abbatuti lasciando soltanto una poesia dalla belleza che fa paura!

    insomma bravo :bacio:
  • giuliano paolini il 10/05/2008 11:23
    la situazione e' assai preoccupante ma dal tono mi sa che la sai molto più lunga di quanto sembri vecchio birbaccione

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0