accedi   |   crea nuovo account

Inerzia

Ah! Ride ancora di me!
Spensierata veste di piccina
Mi cattura, stordisce, invaghisce
Mi tradisce...

Nei sogni
Nelle notti
Che dispero ancora
E poi sublimo

Nel ludico quotidiano danzare
Di piedi alla terra coatti
Gemendo: “oh! Mechina gravita!”
Mai piu’ lascero’ questa dimora?

Cosa vuole?
Quell’ombra lĭ nel muro cosi estranea
Enorme nel passato
Sparita nel futuro
Gia gridato
Gia’ svegliato
Gia’ tradito…

Lei corre sulle pareti spente
Poi scorre nella velata stanza
Sopra le vene stanche…

Cosi troppo acerbe siete ancora
Da non poter fuggire un’altra alba?

Nel battito impazzito mi ripete
Rivolta sui miei occhi il suo tumore

Cosi poi si dilegua nei soffitti
Sofferta e a un tempo arresa mi scagiona

Fastidiosa e’si, quest’ancora che reggo
Che regge tutte l’ansie tra i capelli

Di gelo mi risveglia un altro sole
Scacciando la mia notte fattucchiera

Assassino si, sul petto gia ansimante
Si forgia a mo’ di lancia
Come un mago

Ah! Come ride di me nuovamente!
Soavemente piccina per lui

Per voi, lo so, ignari, felici mendicanti:
Soltanto un altro mattino!

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0